Il Buco delle Emozioni

Il Buco delle Emozioni

 

Lo spettacolo, interamente realizzato con carta e cartone, prende ispirazione dal libro “il Buco” di Anna Llenas.

L’idea dello smarrimento e del vuoto, che  improvvisamente interrompono la felicità della protagonista, viene resa attraverso una scatolone bucato che contiene tutte le emozioni brutte e spaventose della bambina.

Invano, Giulia cercherà di chiuderlo con tappi che assumono l’aspetto di oggetti di ogni sorta.

Spossata dagli inutili tentativi, quando ormai sembra arrendersi all’idea di convivere con quel buco nella pancia, capisce che l’unico modo per comprenderlo è quello di cercare dentro di sé.

La marionetta si calerà coraggiosamente nello scatolone per esplorarlo dall’interno e solo così potrà farvi uscire immagini meravigliose, colori, suoni, sogni e visioni.

Solo a quel punto scoprirà che non è la sola ad avere un piccolo foro grazie al quale mettere in connessione il proprio mondo interiore con la realtà esterna.

Da quel momento non rinuncerà mai ad entrare ed uscire dal suo magico antro.

il buco delle emozioni

La Gallinella Rossa

La Gallinella Rossa

C’era una volta una gallinella rossa che viveva in una fattoria con i suoi pulcini, un cane fannullone, un gatto dormiglione e un’anatra festaiola.
Un giorno la gallinella rossa stava razzolando alla ricerca di cibo, quando trovò dei chicchi di grano. Così le venne in mente un’idea…

 

Lo spettacolo realizzato con una valigia e delle sagome in legno, si ispira alla celebre novella popolare di origine anglosassone.

Attraverso la figura della gallina, anticonformista e intraprendente,  vengono messi in risalto aspetti come l’amicizia, la collaborazione e l’importanza del lavoro manuale per soddisfare bisogni e desideri.

Una storia semplice che invita  grandi e piccini a osservare e sfruttare i doni della natura grazie all’ingegno e alla costanza.

la gallinella rossa

 

Cinque Terribili suonati! spettacolo per pupazzi musicali e teatro d’ombre

Cinque Terribili suonati! spettacolo per pupazzi musicali e teatro d’ombre

 

Cinque terribili suonati

Spettacolo per pupazzi musicali e teatro d’ombre

E’ del tutto irrilevante cosa pensano gli altri.

Se dicono che siamo brutti o se dicono che siamo belli.

Ciò che conta è quello che si fa!

 Cosa succederebbe se cinque animali, considerati da tutti, brutti e schifosi, si trovassero sotto ad un ponte a parlare della ripugnanza che suscitano e dell’emarginazione che li accomuna?

Cosa potrebbe riscattarli da questo triste destino, che li fa vivere isolati e fuori da ogni tessuto sociale?Lo spettacolo, realizzato con pupazzi, ombre e marionette a filo mette al centro il tema della diversità e affida alla musica, intesa come veicolo per esprimere la propria bellezza interiore, la capacità di invertire le sorti dei terribili cinque.

La rilettura del libro di Wolf Erlbruch I terribili 5, mescolata alle vicende che hanno segnato la storia del Jazz delle origini si fondono per creare uno spettacolo sull’importanza dell’arte  e della musica in particolare come strumento di riscatto per chi vive il peso di pregiudizi e discriminazioni.

 

terribili 5